20 settembre 2008

Renato Carosone all'Avana

Renato Carosone all'Avana, fotografato insieme a (da destra) Aldo Pagani, Piero Giorgetti, Raf Montrasio, Gegè Di Giacomo, Tonino Grottola e Gianni Tozzi.

Renato Carosone, già famosissimo, insieme al suo gruppo, il 5 gennaio 1957, cominciò una fortunata tournée in America, partendo proprio dall'Avana. Lo scrittore cubano Enrique Cirules, nel suo libro "El imperio de la Habana", ci dice che Carosone fu contrattato da un imprenditore italiano residente nella capitale di Cuba, senza specificare chi né in quale locale si esibí.
Un'autista di auto a noleggio degli anni '50 mi assicura che si esibì nel famosissimo Cabaret Sans Souci, al km 15 dell'allora Carretera Arroyo Arena, attuale municipio de La Lisa
(la foto sembrerebbe confermare la testimonianza) e che partecipò a numerose trasmissioni televisive condotte da Gaspar Pumarejo su Canal 2 (TELEMUNDO) del calabrese Amedeo Barletta Barletta, proprietario di un vero e proprio impero finanziario-commerciale e, tra l'altro, anche del quotidiano "El Mundo". Probabilmente Cirules si riferiva proprio a Barletta.
Durante la sua permanenza all'Avana, Carosone ebbe l'opportunità di incidire un disco a 33 giri dal titolo "Canta Napoli", che raccoglieva 16 delle sue più famose canzoni, tra c
ui "Torero" che, all’epoca della tournée di Carosone in America, rimase al primo posto nella hit-parade statunitense ben quattrordici settimane consecutive
I primi 45 secondi della canzone di Carosone "Ricordate Marcellino" introdussero, alle 11 del 9 aprile 1958, l'appello radiofonico allo Sciopero Generale Rivoluzionario trasmesso dai combattenti del Movimento 26 Luglio.

3 commenti:

tio gigi ha detto...

Beh...se proprio vogliamo essere precisi Gegè Di Giacomo ha in mano un tamburo e lui suonava la batteria.....didascalia sottofoto da correggere...

MASSIMO BARBA ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
MASSIMO BARBA ha detto...

Zio Gigi, mi hai colto in castagna ed ho immediatamente corretto lo strafalcione...! Un saluto a tutto il familiòn e a presto.